il feltro, cos'è    
 
 

Il feltro

la yurta

la lana

lana cotta

lana locale

fornitori lana

attrezzature

LA YURTA, CASA NOMADE

"...Nella steppa mongola la maggior parte delle cose assume un significato in pieno contrasto con la nostra epoca e per certi versi arcaico. È il caso ad esempio della nostra casa, la tenda rotonda in legno e feltro che fuori dalle nostre frontiere è chiamata yurt. Da noi lo sguardo di chi è in cammino rimane sempre vigile e sempre eccitante è il momento in cui la yurt appare ai confini della steppa infinita, come un cuore che batte solitario. Perché qui si trova l'acqua, la vita, il calore durante gli inverni rigidi e il fresco durante le estati soffocanti. La porta della yurt è aperta a tutti. Anche quando non c'è nessuno non bisogna avere esitazioni a entrare, servirsi della legna e del cibo, accendere la stufa per preparare da mangiare. Ben presto, infatti, tornerà il padrone di casa, attardato dal suo bestiame, che probabilmente avrà fame e sete, caldo o freddo.
La yurt ha raramente un diametro superiore a sei passi e sei ospiti arrivati dal ricco mondo del cosiddetto benessere non ci mettono molto a riempirla. Ma se necessario vi si può stare in sessanta: come si possono allargare i gomiti e le ginocchia, così li si possono stringere." ...

Galasam Tschinag
trascritto da Le Monde Diplomatique sett. 2004



yurta lungo la via della Seta