tess. popolari
tess. andina
   
 
 

Tessitura a tavolette

corso

campionario

Tessitura a tavolette: un corso

Nei mesi fra novembre 2009 ed il gennaio successivo ho tenuto un corso di tessitura al Nuovo Conventino di Firenze, la struttura che il comune ha restaurato per ospitare gli artigiani e valorizzare le pratiche artigianali.

Ente promotore è stato L'Università dell'Età Libera in un corso in otto lezioni per un totale di 20 ore. Essendo impossibile organizzare un corso di tessitura con i telai tradizionali, per assenza di un parco macchine da usare e anche di tempo, ho subito proposto la tessitura con le tavolette, una tecnica che ho avuto modo di approfondire qualche anno fa.

Non serve dell'attrezzatura complessa: bastano una dozzina di cartoncini forati, un paio di asticelle e altri piccoli attrezzi, facilmente reperibili a costo contenutissimo. Per sicurezza avevo acquistato un paio di centinaia di tavolette in materiale plastico ed anche un telaio, presso Matteo Salusso. Avevo anche avviato un ordito per realizzare un campionario base, per ispirare le allieve.

La mia intenzione era quella di far tessere a tensione, tirando un ordito fissato al tavolo grazie ad un morsetto e legato in vita. Ma l'esempio del mio telaio ha scatenato la creatività bricoleuse delle corsiste: già alla seconda lezione c'era chi aveva il proprio strumento e via via la maggior parte si è cimentata con trapano, seghetto e cacciavite ... Nella foto in alto mostro uno di questi strumenti ed i primi intrecci di prova.

Il corso è stato frequentato da una dozzina di di persone, nessun uomo (come vuole tradizione, ahimé) ed è stato allegro ed un po' caotico. I diversi caratteri si sono espressi ed i molte hanno fatto 'i compiti a casa'. Qualcuna migliorando via via il telaio aggiungendo sempre nuovi accorgimenti, altre tessendo campionari impeccabili ed impaginandoli accuratamente.

Tante varianti degli intrecci base sono nate dagli esperimenti, abbiamo fra noi attribuito i motivi ad una o l'altra delle corsiste, così il disegno "Daniela" è diventato patrimonio di tutte. Per comprenderci abbiamo usato un glossario non proprio ortodosso, ma efficace. Così la tessitura con le tavolette disposte alternandone una ad infilatura S ad una Z è diventato per noi il "punto maglia" ed il passaggio fra una serie infilata S a una Z è stato chiamato "le tavolette si guardano"...

L'importante era capirsi!

si tesse al telaio

Andrea tesse a tensione