Tessitura a distanza, si può fare?

E’ concluso da più di un mese il corso base di tessitura al quale mi sono iscritta in primavera: ho voluto provare ad essere allieva di un corso online!

Nei mesi del confinamento rigido, quando eravamo “tutti a casa”, ho iniziato ad interessarmi alla didattica a distanza: mi sono chiesta come e se fosse il caso di trasferire il mio lavoro di insegnante sulla rete.
Ho fatto qualche ricerca, trovato i portali in cui si propongono e vendono corsi di qualsiasi materia e seguito lezioni sulla costruzione di corsi da proporre online.
Mi sono interrogata su cosa fosse più fruibile e cosa incontrasse di più gli interessi di potenziali allievi. Ho fatto anche sondaggi fra amici e colleghi, per capire meglio.

Ho poi accolto il suggerimento trovato in facebook e mi sono iscritta ad un gruppo di lavoro online di tessitura: un lavoro divertente e istruttivo, gestito da Tien Chiu e Janet Dowson, due insegnanti super esperte, sia nella tessitura che nell’utilizzo dei mezzi offerti dalla rete. Questo avveniva circa un anno fa.

una delle immagini che ho creato per i corsi a distanza di analisi e catalogazione

In autunno ho potuto tenere dei corsi alla presenza degli allievi, tutti in una stanza, con finestra aperta, mascherina e gel disinfettante sempre a portata di mano. Da novembre in poi però non è stato più possibile e quindi ho tenuto le mie lezioni di merceologia a distanza, con mezzi messimi a disposizione dalle scuole. Prima Teams, poi Meet e infine, quando ho tenuto i corsi di analisi e catalogazione della Fondazione Lisio, anche Zoom.

Un’impresa non semplice, ho constatato, specie per la merceologia: per tenere viva l’attenzione per due o più ore occorre lavorare alla progettazione e avere parecchio materiale da mostrare; la discussione ‘in classe’ risulta molto difficoltosa, specie se le classi sono composte da una ventina di ragazzi e le connessioni sono ballerine… fortunatamente però i più giovani sono pratici nell’uso delle tecnologie!

Forte dell’esperienza, ho strutturato un corso di analisi e catalogazione a distanza. L’esperienza immateriale del corso online si è concretizzata nell’osservazione degli stessi frammenti e in un lavoro pratico condotto da ciascuno. L’osservazione a schermo, in fin dei conti, non è meno efficace dell’osservazione dal vero, in qualche caso può essere addirittura vantaggiosa.

E poi, a conclusione della lezione, si fa una rapida verifica, sempre usando mezzi informatici e si ripassa assieme quanto studiato.

Ma la domanda cruciale era e resta: si può imparare la tessitura online, e ancor di più: si può insegnarla in modo efficace?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.